Il ruolo «portante» degli impianti a fune

Un impianto a fune sullo sfondo del Lago dei quattro Cantoni
La funivia Cabrio inaugurata nel 2012 sullo Stanserhorn è la prima funivia al mondo con piano superiore all’aperto.
© Stanserhorn-Bahn

Gli impianti a fune hanno una lunga tradizione in Svizzera. Senza questo mezzo di trasporto, le regioni di montagna non sarebbero in grado di proporre offerte turistiche interessanti e competitive. Attualmente in Svizzera sono in funzione circa 1800 impianti a fune. L'UFT è competente per i circa 650 impianti oggetto di una concessione federale. Le sciovie, i piccoli impianti a fune (fino a otto persone per direzione di marcia) e gli impianti non adibiti al trasporto di persone a titolo professionale sono invece di competenza dei Cantoni.

Per restare concorrenziali sul mercato del turismo, particolarmente conteso, gli impianti già esistenti vengono man mano modernizzati o sostituiti da nuovi impianti. L'UFT esamina la costruzione di nuovi impianti a fune e l'ampliamento, la trasformazione o la sostituzione di quelli esistenti, dal momento che è l'autorità preposta al rilascio di concessioni, autorizzazioni di costruzione (approvazioni dei piani) e autorizzazioni d'esercizio. Nell'ambito della procedura d'esame, la sicurezza tecnica e il rispetto dell'ambiente sono criteri centrali. Alla procedura partecipano anche alcuni servizi specializzati della Confederazione e i Cantoni, che verificano in particolare se gli impianti e il loro esercizio da parte delle imprese di trasporto a fune nuocciono alla natura e al paesaggio e se rispettano le prescrizioni di pianificazione territoriale.

Inoltre, l'UFT esercita la vigilanza sulla sicurezza nella fase di esercizio presso gli impianti a fune con concessione federale. Mediante audit e controlli d'esercizio effettuati a campione e in funzione dei rischi, l'UFT verifica se le imprese di trasporto a fune si assumono la responsabilità in materia di sicurezza cui sono tenute per legge. Presso gli impianti con autorizzazioni cantonali, la vigilanza in materia di tecnica della sicurezza è svolta dal servizio competente del Concordato intercantonale per teleferiche e sciovie (CITS).

https://www.bav.admin.ch/content/bav/it/home/modi-di-trasporto/seilbahnen.html