Normativa sul trasporto

Il trasporto di merci pericolose per ferrovia, tramite impianti di trasporto a fune e vie navigabili sottostà a una regolamentazione nazionale e internazionale. L’UFT contribuisce a sviluppare e attuare tali prescrizioni. 

Ferrovia

L'ordinanza concernente il trasporto di merci pericolose per ferrovia e tramite impianti di trasporto a fune (RSD) disciplina questo tipo di trasporti in Svizzera. In questo campo è rilevante anche l'ordinanza concernente l'immissione in commercio e la sorveglianza sul mercato di mezzi di contenimento per merci pericolose (OMCont).

La RSD dichiara in primo luogo il Regolamento concernente il trasporto internazionale per ferrovia delle merci pericolose (RID) vincolante per il traffico interno svizzero; per il traffico internazionale le prescrizioni del regolamento sono già state poste in vigore con la Convenzione relativa ai trasporti internazionali per ferrovia (COTIF). Il RID si fonda a sua volta sulle raccomandazioni sul trasporto di merci pericolose (regolamento tipo/orange book) pubblicate dalle Nazioni Unite.

Impianti di trasporto a fune

Anche con impianti a fune è consentito trasportare merci pericolose quali diesel, benzina, gas o esplosivi. Secondo l'ordinanza sugli impianti a fune (OIFT) per questo genere di trasporti occorre osservare le prescrizioni della RSD e della OMCont. Il promemoria indicato di seguito fornisce informazioni concernenti l'attuazione di tali prescrizioni.

Navigazione interna

Conformemente all'articolo 75 dell'ordinanza sulla navigazione interna (ONI), il trasporto di merci pericolose che possono inquinare le acque è in linea di principio vietato, con alcune eccezioni. L'esecuzione dell'ordinanza spetta ai Cantoni.

L'Accordo europeo sul trasporto internazionale di merci pericolose per via navigabile interna (ADN) si applica invece ai trasporti di merci pericolose sul Reno a valle del ponte «Mittlere Rheinbrücke» a Basilea. L'esecuzione di tale Accordo è di competenza di Porti Renani Svizzeri, nella loro funzione di autorità in materia di navigazione sul Reno.

Evoluzione delle prescrizioni internazionali

La Svizzera contribuisce attivamente all'evoluzione delle prescrizioni internazionali concernenti il trasporto di merci pericolose per ferrovia e tramite vie di navigazione interna.

La Sezione Ambiente dell'UFT partecipa quindi anche ai lavori del sottocomitato di esperti del trasporto di merci pericolose del Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite, della riunione congiunta RID/ADR/ADN e della commissione di esperti del RID.

La Sezione Navigazione è invece attiva in seno al comitato di sicurezza e al comitato di amministrazione dell'Accordo europeo sul trasporto internazionale di merci pericolose per via navigabile interna (ADN).

Autorità competenti

L'introduzione del nuovo sistema di valutazione della conformità secondo l'OMCont permette, contrariamente al vecchio sistema dell'«omologazione ufficiale», di delegare alcuni compiti dell'autorità competente ai sensi del RID/ADR, segnatamente le attività relative all'autorizzazione dei mezzi di contenimento per merci pericolose (1.8.6 RID/ADR), a un organismo di valutazione della conformità (OVC) designato conformemente all'articolo 15 OMCont.

Per i casi non disciplinati dall'OMCont (ad es. la classificazione) per i quali il RID richiede un'autorizzazione o un'omologazione da parte dell'autorità competente, un'eventuale ripartizione dei compiti tra l'UFT e un organismo con le competenze necessarie è decisa caso per caso (art. 4b RSD).

L'elenco delle attività ufficiali secondo il RID delegate dall'UFT è disponibile nel menù contestuale.

I casi non disciplinati dall'OMCont e concernenti altri mezzi di trasporto sono di competenza delle autorità indicate nei regolamenti pertinenti come SDR/ADR, codice IMDG o le istruzioni tecniche OACI.

Eccezioni e deroghe

Secondo l'articolo 5 RSD, l'UFT può ammettere eccezioni alle prescrizioni sul trasporto nazionale per ferrovia e tramite impianti a fune. Esse devono essere motivate per scritto e non pregiudicare in alcun modo la sicurezza

L’UFT può altresì convenire, con le autorità competenti di altri Stati contraenti il RID, deroghe temporanee per il trasporto per ferrovia. Questi accordi speciali multilaterali si applicano al traffico sia nazionale sia internazionale.

https://www.bav.admin.ch/content/bav/it/home/temi-a-z/ambiente/merci-pericolose/normativa-sul-trasporto.html