Efficienza dei TP: L'UFT elabora le basi quanto a consumo energetico ed emissioni di CO2

Con la Strategia energetica per i trasporti pubblici (SETraP) 2050 l'UFT promuove un miglioramento continuo dell'efficienza energetica e la riduzione delle emissioni di CO2 nei trasporti pubblici (TP). Affinché le imprese di trasporto possano individuare meglio il proprio potenziale, confrontarsi tra loro e rilevare più precisamente i propri progressi, l'Ufficio elabora un nuovo strumento, che dovrebbe mettere a disposizione indicatori migliori sul consumo di energia e sulle emissioni di CO2 dei TP.

L'UFT promuove il miglioramento dell'efficienza energetica nei TP (foto: SBB CFF FFS)

Con il progetto di monitoraggio SETraP l'Ufficio federale dei trasporti (UFT) intende rilevare in maniera uniforme il consumo energetico e le emissioni di CO2 dei singoli mezzi e tipi di trasporto nonché dei diversi vettori energetici nei TP. L'idea è di sviluppare, in collaborazione con l'Ufficio federale della statistica, una piattaforma di rilevamento, svolgere i necessari test e condurre quindi il primo rilevamento completo nel 2021, con i dati del 2020. L'UFT fornirà alle imprese di trasporto i relativi dettagli a tempo debito.

Per le imprese dei TP, impegnate nell'utilizzo ecologico dell'energia, il monitoraggio costituisce uno strumento ausiliario, la cui funzione è documentare lo sviluppo a lungo termine nel settore e indicare le potenzialità. Grazie a dati uniformi, per le imprese è più facile rilevare i progressi e fissare gli obiettivi; inoltre possono comparare consumo, efficienza e produzione di energia con altre aziende (benchmarking). Con il nuovo strumento la Confederazione intende anche ricavare importanti informazioni per l’ulteriore sviluppo della SETraP 2050.

Contributi finanziari per progetti di ricerca

Seppur meno energivori del traffico privato, anche i TP possono e devono fornire un notevole contributo al risparmio energetico e alla riduzione di CO2. Il Consiglio federale ha incaricato l'UFT di mettere in atto la SETraP 2050 e, di conseguenza, di occuparsi dell'ulteriore ottimizzazione dell'effizienza energetica nei TP. L'obiettivo è un risparmio di circa un miliardo di chilowattore l'anno, ovvero l'elettricità di 250 000 economie domestiche.

La Confederazione sostiene le imprese di trasporto accordando contributi finanziari per progetti di ricerca che creino le basi per misure di risparmio energetico. Dal lancio della SETraP, nel 2013, sono stati intrapresi 99 progetti, 45 dei quali già conclusi.

Diversi riconoscimenti

L'approccio adottato sta dando buoni frutti: nel 2019 hanno ricevuto un riconoscimento in Svizzera e all'estero sei progetti finanziati nell'ambito della SETraP. Un team del Politecnico federale di Losanna, ad esempio, ha ottenuto sia il premio svizzero «Watt d’Or» sia quello internazionale «Railtech Innovation Award» per lo sviluppo di vetri termoisolanti e permeabili alle radiazioni dei cellulari. Dei collaboratori delle FFS, invece, all'International Conference on Railway Operations Modelling and Analysis in Norvegia hanno ricevuto il «Best Professional Paper Award» per aver redatto delle raccomandazioni per i macchinisti volte all'ottimizzazione energetica della guida nel rispetto dell'orario.

Questi riconoscimenti confermano la qualità e il potenziale di innovazione dei lavori nel settore dei TP. L'UFT incita le imprese di trasporto a unirsi all'industria e alle scuole universitarie e ad adottare ulteriori misure in questo senso, ricordando che a tal fine possono presentargli domande di finanziamento per progetti di ricerca e pilota. Per ottenere maggiori informazioni o inoltrare una domanda consultare la pagina Internet www.bav.admin.ch/energie2050.

 

UFT Attualità n. 73 settembre 2019

 
https://www.bav.admin.ch/content/bav/it/home/pubblicazioni/uft-attualita/Edizioni-2019/ausgabe-oktober-2019/artikel-2.html