Coronavirus: il Consiglio federale vuole attenuare le perdite nei trasporti pubblici e nel traffico merci su rotaia

Berna, 01.07.2020 - A causa del crollo della domanda dovuto alla pandemia da coronavirus, le imprese dei trasporti pubblici e del traffico merci ferroviario hanno subito notevoli perdite finanziarie. Per compensarle hanno bisogno di sostegno. Il Consiglio federale intende adottare diverse misure per garantire la solvibilità delle imprese ed evitare che l'offerta debba essere ridotta. A tal fine prevede lo stanziamento di 800 milioni di franchi. Nella sua seduta del 1° luglio 2020 ha indetto la procedura di consultazione sulle necessarie modifiche di legge, che si protrarrà fino al 22 luglio.

I trasporti pubblici (TP) e il traffico merci per ferrovia hanno fortemente risentito delle misure adottate per contrastare il coronavirus. A seguito della raccomandazione del Consiglio federale di rimanere a casa, la domanda nei TP è diminuita anche dell'80 per cento e si sta normalizzando solo lentamente. Poiché molte aziende hanno dovuto chiudere, anche il trasporto di merci su rotaia ha registrato una forte contrazione.

Tutto questo ha causato una notevole riduzione dei ricavi, che le imprese attive nei TP ordinati e nel settore dell'infrastruttura ferroviaria, non autorizzate a prevedere utili, possono compensare solo in parte sciogliendo le riserve o riducendo le uscite durante la pandemia. Per evitare un'interruzione delle catene di trasporto e consentire alle imprese di continuare a esercitare la loro importante funzione, sono necessarie misure di sostegno finanziarie.

In adempimento di una mozione della Commissione dei trasporti del Consiglio nazionale (20.3151) accolta dal Parlamento, il Consiglio federale ha elaborato e messo in consultazione un apposito progetto che contempla le seguenti misure.

  • Traffico regionale viaggiatori: copertura del disavanzo risultante dal conto annuale 2020. Il contributo sarà finanziato dalla Confederazione e dai Cantoni in base alla consueta chiave di ripartizione. Le imprese devono partecipare ai costi nell'ambito delle proprie capacità finanziarie, ad esempio sciogliendo tutte le riserve.
  • Traffico locale: importo forfettario una tantum della Confederazione a favore dei disavanzi registrati dalle IT nel 2020 nel traffico locale in modo da sgravare Cantoni e Comuni. Questa misura è stata integrata nel progetto in consultazione in quanto richiesta dal Parlamento (mozioni trasmesse); tuttavia il Consiglio federale è scettico.
  • Trasporto di merci per ferrovia: sospensione della riduzione progressiva delle indennità a favore del traffico combinato transalpino negli anni 2020 e 2021. Procedura semplificata per la copertura dei deficit delle imprese attive nel traffico merci ferroviario e di altre imprese importanti per il trasferimento del traffico mediante versamento di un contributo una tantum.
  • Infrastruttura ferroviaria: rinuncia alla restituzione dell’anticipo del Fondo per l’infrastruttura ferroviaria negli anni 2020 e 2021. Ciò consente di assicurare i mezzi necessari al mantenimento della qualità e all’ampliamento della rete ferroviaria. I minori ricavi dei gestori dell’infrastruttura saranno compensati tramite aggiunte alle convenzioni sulle prestazioni in essere.

Le misure offrono alle parti interessate le necessarie certezze per la pianificazione e possono essere adottate in tempi rapidi. Per il loro finanziamento il Consiglio federale prevede lo stanziamento di mezzi supplementari per un totale di circa 800 milioni di franchi.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale dei trasporti, Informazioni, Tel. +41 58 462 36 43, presse@bav.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria generale DATEC
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ufficio federale dei trasporti
https://www.bav.admin.ch/bav/it/home.html

https://www.bav.admin.ch/content/bav/it/home/pubblicazioni/comunicati-stampa.msg-id-79707.html