Vigilanza e strumenti di controlling

Per le sue dimensioni e l’entità dei costi, il progetto Alptransit pone una grande sfida all’organizzazione di progetto e al sistema di controlling. Ne sono interessate varie autorità, organizzazioni e servizi.

I committenti delle tre gallerie di base sono la AlpTransit San Gottardo SA (ATG) e la BLS AlpTransit SA (BLS AT), filiali di FFS SA e BLS SA controllate al 100 per cento. Le due società hanno assunto il ruolo di committenti a nome della Confederazione. 

La Delegazione di vigilanza della NFTA (DVN), composta da dodici membri deputati del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati, ha esercitato l’alta vigilanza parlamentare sulla realizzazione del progetto fino a fine novembre 2019. Da allora la vigilanza è assicurata dalla Delegazione delle finanze delle Camere federali (DelFin).

Il Consiglio federale esercita la vigilanza strategica. Ha la facoltà, tra l'altro, di sbloccare crediti d'impegno e riserve.

Il Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC) rappresenta gli interessi fondamentali della Confederazione quale committente ultimo. Ha emanato un'istruzione dipartimentale concernente il controlling della NFTA e stipula con i costruttori contratti concernenti le prestazioni ordinate e la tempistica del loro adempimento (cfr. sotto). 

L’Ufficio federale dei trasporti (UFT) svolge la maggior parte dei compiti spettanti alla Confederazione nell'ambito della realizzazione di Alptransit. L’UFT esercita in questa veste la vigilanza operativa sul progetto. Il suo ambito di competenza inizia dal progetto vero e proprio (progetto di massima e procedura di approvazione dei piani, definizione degli standard di progettazione e di sicurezza) e termina con il rilascio delle autorizzazioni d’esercizio. Indirizza e coordina i lavori dei costruttori ed elabora le basi per l’entrata in servizio delle linee di base in collaborazione con i futuri gestori delle tratte (FFS, BLS). L’UFT elabora inoltre la documentazione necessaria per il DATEC, il Consiglio federale e il Parlamento e informa periodicamente l’organo di vigilanza parlamentare sull’avanzamento dei progetti. L’Ufficio amministra i fondi destinati ad Alptransit gestendo costi e finanziamenti e amministrando il Fondo per l’infrastruttura ferroviaria. In questa sua funzione collabora strettamente con il Dipartimento federale delle finanze, l’Amministrazione federale delle finanze e il Controllo federale delle finanze.

Strumenti di controlling

Il controlling Alptransit si basa sulle regole della moderna gestione dei progetti. I suoi obiettivi principali sono la garanzia di trasparenza e l'applicazione di un sistema di allarme preventivo. Il controlling poggia essenzialmente sulle convenzioni e sull’istruzione dipartimentale concernente il controlling della NFTA.

Le convenzioni stipulate con i costruttori definiscono i requisiti principali dei progetti, le scadenze e i costi.

L’istruzione dipartimentale regolamenta la collaborazione tra i costruttori e l’UFT a livello formale. Contribuisce a uniformare la terminologia e i dati, assicura il flusso di informazioni e disciplina i punti di contatto. Questo strumento ha dato buone prove, tanto che l’UFT lo ha utilizzato come base per sviluppare direttive di controlling per altri grandi progetti.

https://www.bav.admin.ch/content/bav/it/home/modi-di-trasporto/ferrovia/infrastruttura-ferroviaria/programmi-di-ampliamento/alptransit/vigilanza-e-strumenti-di-controlling.html